canino

PRONTO SOCCORSO

Al fine di evitare brutte sorprese e risparmiarci magari anche un piccolo attacco d’ansia, vogliamo consigliare a tutti i fortunatissimi padroni che potranno recarsi in vacanza con il proprio amico a quattro zampe di prendere qualche piccolo accorgimento prima di chiudere le valige….

- Controllare che la meta scelta per le nostre vacanze non richieda garanzie sanitarie particolari come l’antirabbica o precisi documenti come il passaporto europeo per cani e gatti.

- Procedere con un rapido check del libretto sanitario del nostro pet… ci siamo forse scordati qualche vaccino?

- Richiedere al nostro veterinario di fiducia un piccolo memorandum sul kit di primo soccorso che potrebbe esserci utile in caso di emergenza, ad esempio la puntura di un insetto.

- Ricordare quali sono le normative relative al trasporto degli animali in auto, treno, nave o aereo.

- C’è un ambulatorio veterinario nelle vicinanze della località dove vi recate in villeggiatura? Non accadrà sicuramente niente, ma non si sa mai…

- Divertitevi… le vacanze sono uno splendido momento per fare insieme al vostro pet nuove esperienze e rendere ancora più forte ogni bellissimo legame

JIPO

SOS ALTE TEMPERATURE

Abbiamo parlato in alcuni nostri articoli del blog Petheory di quelli che sono i rischi del caldo, degli sbalzi di temperatura (attenzione all’aria condizionata!), dandovi qualche consiglio per riconoscerne i sintomi e intervenire prontamente prima di correre dal veterinario!
In questo articolo vogliamo parlarvi di qualche buon alleato da portare sempre con noi, acquistabile nei negozi specializzati o in farmacia e essere utile oltre ai soliti fondamentali accorgimenti.

Tappetino Refrigerante
La soluzione ideale per donare un po’ di refrigerio al tuo cane in particolare nei periodi caldi. Ideale per un pisolino in pace e al fresco. Di solito sono prodotti realizzati in nylon impermeabile con cuciture termosaldate, un materiale facile da pulire e resistenti all’usura.
Il suo utilizzo, che sfrutta l’evaporazione dell’acqua, ti permette di abbassare la temperatura fino a 10 gradi in modo da consentire al tuo cane di mantenere una temperatura corporea costante senza alcun pericolo per la sua salute.

Cooling Vest
Ideale per dare sollievo al vostro cane nei giorni più caldi durante una passeggiata. Il suo tessuto innovativo permette di sottrarre calore al corpo del cane mediante l’evaporazione. E’ un vero e proprio gilet che avvolge il dorso del cane e l’area intorno al torace.

Come si usa:
- immergere il gilet in acqua fresca e strizzalo leggermente
- se lo utilizzi a lungo e si asciuga, ribagnalo con acqua fresca
- non esporre mai il cane al caldo con il gilet asciutto

Collare rinfrescante
Semplice, disponibile in varie versione e marche, è il collare perfetto per l’estate. Non è tossico ed è molto resistente, anche per i cani più vivaci.

Pasta Fissan e Sapone di marsiglia
Anallergica e lenitiva la pasta Fissan applicata sulle zone che si irritano più facilmente con il caldo (la temperatura dell’asfalto è un grandissimo pericolo) è un ottimo aiuto per dare sollievo alla cute ed evitare escoriazioni o ustioni superficiali.
Ciotola portatile
A forma di borraccia o di bottiglia con serbatoio, questo tipo di ciotola è molto pratico anche da portare in borsa vuoto e riempire comprando una bottiglietta fresca o ad una fontana.

Fresh Bowl
Ossia la ciotola refrigerante. Essa permette di mantenere l’acqua fresca fino a 8 ore. E’ sufficiente tenere la ciotola estraibile in freezer per 2 ore e riposizionarla e riempirla d’acqua. Il vostro 4 zampe apprezzerà.

juj

ESTATE: PERICOLO ASFALTO!!

Nell’articolo di oggi del nostro blog vorremmo farvi conoscere nel dettaglio tutti i rischi che l’asfalto cela nei mesi estivi. L’ennesima conferma di quanto sia assolutamente pericoloso far uscire il vostro cane nelle ore centrali del giorno! Ma vediamo nel dettaglio!

L’asfalto di una strada esposta al sole, senza la presenza di vento e bassa umidità, ha una temperatura DOPPIA rispetto a quella percepita. Per esempio quando la temperatura fuori sfiora i 30 gradi, 57° sono quelli misurabili toccando la strada: pensare che un uovo esposto ad una fonte di calore di circa 55° può friggere in 5 minuti! La pelle umana si deteriora in 60 secondi a tali temperature: quanto pensate siano più resistenti i polpastrelli dei vostri cani?!?
Per i cani di piccola taglia e di bassa statura (pensate al bassotto, al corgi, al pischer) o a quelle brachicefale (carlino, boxer, bulldog) a situazione è ancor più grave poiché le radiazioni dell’asfalto sono praticamente immediate! Il cane a differenza dell’uomo, utilizza solo il sistema respiratorio per raffreddare il proprio corpo, non è in grado di produrre sudore, o ne produce solo in piccole quantità a livello dei polpastrelli: un’ ulteriore accento sulla pericolosità di uscire nelle ore più calde del giorno! Consigliati quindi orari dove il sole è meno forte e luoghi ricchi di erba e ombra!

ESTATE SENZA RISCHI!

Le alte temperature del periodo estivo possono rappresentare per i nostri amici a quattro zampe una problematica più rilevante di quello che si possa pensare: i colpi di calore, come sono comunemente chiamati, possono addirittura essere mortali se non si interviene con accorgimenti adeguati soprattutto nei giorni dove è l’afa a non permettere una adeguata respirazione. Non fatevi ingannare solo dalla temperatura: a contare è il caldo percepito che dipende in gran parte dall’umidità. Anche se ci sono 30° C, con un tasso di umidità del 70%, si possono avvertire fino a 40°C.

A rischio soprattutto i cuccioli di età inferiore ai sei mesi e gli animali anziani per i quali un collasso può risultare fatale. Anche le razze brachicefaliche, i cani obesi, a pelo lungo e dal mantello di colore nero o scuro sono predisposti allo sviluppo di ipertermia come naturalmente quelli affetti da ipertiroidismo, patologie cardiache e polmonari o dal mantello fitto spesso presentano un rischio maggiore.: vi forniamo quindi una serie di buoni consigli da adottare in questo periodo dell’anno e soprattutto andiamo ad analizzare tutti i sintomi del colpo di calore.

Impariamo a riconoscere i sintomi del colpo di calore nel cane:

Irrequietezza o agitazione senza alcun motivo apparente.

Il cane abbia, guaisce o vocalizza senza alcuna ragione apparente

Aumento della frequenza respiratoria a bocca aperta (eccessiva, prolungata o ricorrente)

Emissione di bava schiumosa dalla bocca

Ipersalivazione

Respiro affannoso o difficoltà di respirazione (distress respiratorio, dispnea)

Aumento della frequenza cardiaca (tachicardia)

Gengive secche, appiccicaticce

Vomito

Diarrea (con possibile presenza di sangue)

Confusione, disorientamento

Mancanza di coordinazione (atassia)

Gengive e altre membrane mucose rosse (iperemia)

Letargia, apatia, fiacchezza

Debolezza

L’animale giace a terra ed è difficile svegliarlo

Ricerca luoghi freschi

Crisi convulsive

PREVENZIONE

La cosa più importante? Il vostro animale deve sempre avere libero accesso ad acqua fresca e pulita e a zone ombreggiate, in particolare durante la stagione calda.Non deve mai essere lasciato in una macchina con i finestrini chiusi o leggermente abbassati, anche se l’auto è parcheggiata all’ombra e il proprietario deve assentarsi solo per pochi minuti.Quando il clima è particolarmente caldo e umido, l’animale affetto da patologia respiratoria o problemi respiratori preesistenti dovrebbe essere tenuto in casa azionando un ventilatore o un condizionatore d’aria.
Durante la stagione calda, è bene evitare attività fisica intensa.
Nessun “pelossetto” non deve essere lasciato su superfici come cemento o asfalto, note per attirare il calore, senza un riparo adeguato.
Cucce, cuscinetti, stuoie ed erba sono superfici più fresche e più adatte per i piedi sensibili.
Non esistono farmaci specifici per trattare il colpo di calore. Tuttavia, alcuni farmaci possono contribuire a gestire le complicazioni associate alla condizione (naturalmente prescritti dal veterinario). Durante i primi giorni successivi il processo di raffreddamento, è necessario un monitoraggio costante.

cerbiattino

Cuccioli nel bosco: cosa fare in caso di emergenza

Primavera tempo di passeggiate nel bosco! Vivere la natura, magari in compagnia dei nostri 4 zampe è veramente bellissimo! Capita cos’, anche grazie al loro super olfatto, di venir a contatto con animali selvatici che ovviamente (tranne rare ed esilaranti eccezioni) appena ci vedono scappano via…

Può capitare però che qualche cucciolo rimasto senza la propria “mamma” o magari ferito non riesca a rientrare nella “macchia”, anzi addirittura si avventuri vicino ai centri abitati! Che fare?

L’Enpa in proposito ha messo a punto una serie di iniziative su tutto il territorio nazionale nel mese di Maggio e soprattutto un utile vademecum con i comportamenti da tenere e i numeri utili da chiamare di emergenza.

Il primo consiglio da tenere a mente è quello di chiedere aiuto a professionisti: riguardo la fauna selvatica non possiamo sapere se davvero l’animale che abbiamo trovato sia o meno in difficoltà e soprattutto gli animali di media o grossa taglia potrebbero essere pericolosi se toccati o raccolti / trasportati. Per questo, prima di intervenire, contatta il Centro di recupero. In caso di rinvenimento di fauna selvatica in difficoltà, la legge stabilisce che deve essere data immediata segnalazione agli organi competenti e che sia consegnato entro 24 ore ai Centri di recupero.

Centri di recupero della fauna selvatica convenzionati con Regione Toscana

Numeri di telefono da chiamare:

Pistoia
Soccorso fauna selvatica
telefono 329 6605792
www.soccorsofaunapt.it/

Lucca e Massa-Carrara
Associazione VEGA
telefono 348 8860685

Livorno
Centro recupero uccelli marini e acquatici (Cruma) della Lipu – Lega italiana protezione uccelli sezione Toscana
telefono 0586 400226

Prato
Centro recupero uccelli marini e acquatici (Cruma) della Lipu Toscana
telefono 0586 400226

Pisa
Clinica veterinaria dell’Università di Pisa: non fa soccorso, ma solo cura degli animai selvatici portati presso la struttura
telefono 050 2210100

Legambiente
telefono 327 3877775
telefono 331 7227273

Siena e Grosseto
SOS animali, telefono 331 1285509

Arezzo
Per Arezzo rivolgersi alla ASL di vallata competente.

Aree:

Aretina 0575-2551
Valtiberina 0575-7571
Valdichiana 0575-6391
Casentino 0575-5681
Valdarno 055-91061

CANETTO

PRATO e Provincia: AVVELENAMENTI, l’emergenza c’è

E’ circa un mese che nella provincia di Prato le guardie zoofile o semplici cittadini hanno denunciato in molte zone verdi e non la presenza di pericolosissimi bocconi avvelenati. Purtroppo alcuni 4 zampe sono rimasti uccisi nonostante l’immediato intervento dei padroni, prova ulteriore della pericolosità e dell’efficacia delle esche utilizzate che sembrerebbero proprio non lasciare scampo.

Le zone segnalate a maggior rischio sono il quartiere di Chiesanuova, Galciana e alcune zone della Valbisenzio tra Vaiano e Vernio dove addirittura due persone sono state fermate, colte in flagranza di reato.

Denunce e massima attenzione a volte non bastano. Le passeggiate con i nostri amici a 4 zampe dovrebbero essere un momento di pace e tranquillità, pensare che un attimo di distrazione potrebbe risultare fatale è assurdo. Ci auguriamo quindi che la massima diffusione di questa allerta, unita a pene SEVERE per chi commette reati così atroci, possano servire a salvare più vite possibili!

Condividete amici!

cane

LE REGOLE D’ORO DA SEGUIRE SEMPRE NELL’ALIMENTAZIONE A 4 ZAMPE

Le scelte alimentari sono fondamentali per il benessere e la salute dei nostri animali: che siano cuccioli, adulti o amici della 3° età ogni animale domestico richiede un’alimentazione personalizzata. Semplici accorgimenti che ci aiuteranno e non poco! Gli errori alimentari infatti hanno effetti dannosi, ma spesso passano inosservati… quindi oltre a rivolgersi al nostro veterinario di fiducia per studiare insieme una dieta idonea alle esigenze del nostro 4 zampe, ci sono accorgimenti piuttosto semplici che possiamo prendere da soli con un po’ di attenzione. Quali? Per esempio come controllare le etichette di croccantini e e bustine per valutare i contenuti nutrizionali, i grassi e quindi valutare le giuste quantità.

- Considerare sempre il contenuto nutrizionale e la biodisponibilità ovvero la frazione alimentare realmente disponibile per la nutrizione.

- Gli effetti sulla funzionalità gastrointestinale sono una campana importante. Se il vostro animale ha malesseri intestinali può dipendere proprio dal cibo

- La densità calorica e gli effetti a lungo termine sul benessere animale: un alimento è eccessivamente calorico? Non fa per noi!

- Ricordatevi che l’appetibilità non fornisce alcuna indicazione sul valore nutritivo: se un cane gradisce molto un alimento non significa che questo sia salutare.

- Accertare sempre le componenti reali dell’alimento. Presenza eccessiva di additivi chimici? Meglio lasciar perdere!

m

#2019sempreAperto

Con l’inizio del nuovo anno Petheory, come successo durante tutto il periodo delle vacanze Natalizie, vuole ricordare ai privati e agli studi veterinari del territorio che la nostra attività rimarrà sempre aperta, garantendo sempre una totale reperibilità durante la settimana. Abbiamo sempre desiderato non trascurare alcun aspetto ritenessimo indispensabile nel nostro lavoro e professionalizzare la nostra comunicazione e operatività. Offrire un servizio dove la componente umana è così fondamentale significa infatti non poter mai prescindere dall’essere sempre presenti e disponibili.

immagine-blog

DIETA D’AUTUNNO

Come tutti i cambiamenti di stagione, anche quello autunnale implica alcuni accorgimenti nell’alimentazione dei nostri 4 zampe che potrebbero risentire degli sbalzi di temperatura o dell’eccessiva umidità. Ovviamente ogni nuovo regime alimentare deve essere calibrato tenendo conto dell’età, del peso e dello stato di salute del nostro cane o gatto, confrontandoci magari con il veterinario di fiducia, così da evitare disturbi intestinali o inappetenza.
Gli alimenti a cui non rinunciare mai? Quelli ricchi di vitamine e minerali come la A, B, C, E e lo Zinco, il Rame, il Selenio e soprattutto Omega 3 e 6. Una curiosità? Il miele! Aggiungere un cucchiaino di miele alla pappa migliorerà le difese immunitarie, fa bene alla memoria, al pelo e può alleviare i sintomi di allergia.

HU

LA CASA DOVE CI SI PRENDE CURA DELL’AMORE.

C’è una frase sui cani che è molto vera: per quanto sia enorme, lacerante e potente il dolore che lascia la perdita di un amico a 4 zampe, gli esseri umani hanno comunque la possibilità di avere nella propria vita altri cani o gatti con cui condividere la propria esistenza. Loro invece hanno solo noi. E quando siamo noi ad andarcene prima di loro?

A Bracciano, poche decine di chilometri a nord di Roma, Daniela Salvi, etologa, ha aperto un hospice per accogliere e accudire i cuccioloni più anziani che hanno subito il lutto più grave che può colpire un cane e adesso si trovano senza alcun rifugio fisico ed emotivo. La struttura si chiama “Baffi d’argento”, omonima dell’associazione fondata per sostenere l’attività della struttura. La fondatrice ha raccontato che questa dolce e importante iniziativa è nata dopo aver appreso la storia di un cane rimasto solo quando il padrone era rimasto ucciso in un incidente stradale. L’animale era finito nel canile di una regione del Sud, dove era triste e mogio, rifiutando cibo e cure, fino alla morte.

“Quando mi hanno chiamato era troppo tardi. Allora mi sono chiesta che fine fanno i cani che restano orfani della persona con cui hanno vissuto per lungo tempo e passano in un attimo dal divano di casa a un canile?” Questo il racconto di Daniela che attualmente ospita 3 cani all’interno della sua struttura piena di amore.